Punti nascita, Culotta (Pd): “Difendere punto nascite di Cefalù da scelte dettate da freddi calcoli statistici”

Punti nascita, Culotta (Pd): “Difendere punto nascite di Cefalù da scelte dettate da freddi calcoli statistici”

“I parametri e i freddi numeri non possono decidere le sorti di un territorio né incidere sulla salute dei cittadini. La politica non può e non deve basarsi solo su fredde statistiche da cui deriva l’apertura o la chiusura di un reparto o di una struttura sanitaria”. È quanto afferma Magda Culotta, sindaco di Pollina e deputato del PD,  sul provvedimento con cui il governo Crocetta ha deciso la chiusura di alcuni punti nascita, tra cui quello dell’ospedale Giglio di Cefalù. “Questo – aggiunge Magda Culotta – è un presidio troppo importante per la comunità delle Madonie, ma anche per numerosi centri del Messinese e della Sicilia centro-occidentale. Per questo ho intenzione di continuare a seguire la questione direttamente sia da sindaco che da deputato”.
In un documento congiunto i segretari dei circoli del PD dei comuni del distretto 33 hanno esortato tutte le forze politiche a intervenire e ad unire le forze per difendere il punto nascite di Cefalù: “Chiederemo un incontro all’assessore regionale Lucia Borsellino – dice ancora il deputato del PD – Capisco che il momento in ambito sanitario in Sicilia è drammatico, ed è chiaro che quanto accaduto recentemente impone una grande riflessione e un forte rigore nell’applicazione dei parametri che portano poi alla chiusura dei centri nascite, ma proveremo in tutti i modi a difendere l’ospedale di Cefalù”

Mandralisca: “Aprire un tavolo Regionale per una nuova fase dei Musei siciliani”

Il Museo Mandralisca di Cefalù sta rischiando la chiusura. Mi sono sempre battuta affinché i musei di provincia e i piccoli musei divenissero uno strumento per promuovere cultura e sviluppo. Voglio esprimere la mia solidarietà alla comunità cefaludese nella figura del Sindaco Lapunzina e del Direttore Peri.
I musei come il Mandralisca sono la ricchezza dei nostri territori che conservano l’arte, la storia e la memoria ma anche il futuro della nostra terra. Bisogna dare un segnale di controtendenza alle scelte politiche del passato che hanno umiliato le nostre istituzioni culturali locali, e non solo.
La Regione Sicilia ha risposto prontamente alla richiesta di sblocco dei fondi, almeno in parte, per il Museo Mandralisca.
Serve però un ulteriore sforzo: chiederò, insieme ai Sindaci e alle Istituzioni culturali locali, un tavolo al Governo Crocetta per ragionare su una proposta che intervenga rapidamente e con qualità sulla valorizzazione dei Musei e dei siti culturali.
La nostra Sicilia può e deve vivere anche di cultura e investire in turismo, ogni Museo che chiude, è una speranza concreta soffocata nell’inerzia politicista.