UNIONI CIVILI: ”LA NUOVA PRIMAVERA DEI DIRITTI”, SABATO 21 MARZO INCONTRO ALL’ARS

UNIONI CIVILI: ”LA NUOVA PRIMAVERA DEI DIRITTI”, SABATO 21 MARZO INCONTRO ALL’ARS

PD ARS
“La nuova primavera dei diritti”: è il tema dell’incontro che si terrà sabato 21 marzo alle ore 10,00 nella Sala Gialla del Palazzo dei Normanni a Palermo, per illustrare discutere e approfondire le novità introdotte dalla legge regionale che istituisce il “Registro delle unioni civili” in Sicilia (“norme contro la discriminazione determinata dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere – istituzione del registro regionale delle unioni civili”) recentemente approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana.

Al dibattito, promosso dal presidente della commissione Affari Istituzionali e relatore del ddl all’Ars Antonello Cracolici,parteciperanno Gaetano Silvestri, giurista e già presidente della Corte Costituzonale; Giovanni Pitruzzella, professore di Diritto Costituzionale; padre Nino Fasulo, direttore della rivista “Segno”. Parteciperanno inoltre i deputati regionali Claudia La Rocca e Fabrizio Ferrandelli, promotori di due disegni di legge all’Ars sulla stessa materia.

Il dibattito sarà coordinato da Giovanni Pepi, condirettore del Giornale di Sicilia.

#RifayPD Madonie: vince la politica che torna sui territori

#RifayPD Madonie: vince la politica che torna sui territori

Se il Partito Democratico esce dalle stanze e va sui territori, si apre al confronto e si propone come soggetto politico di dialogo, di proposta e di governo, come abbiamo fatto ieri a Castelbuono per #RifayPD Madonie, siamo sulla strada giusta.
Lo comprendi dal fatto che mentre ci continuiamo a dire che la gente è stanca della politica, argomento in gran parte vero, poi ti ritrovi a confrontarti con una platea grandissima e ricchissima che ha voglia di riaprire un discorso politico vero, fuori dalle logiche di autoconservazione del potere e teso alla realizzazione del bene collettivo.
Lavorare alla ricostruzione del PD sarà un lavoraccio, ma dobbiamo ripensare la nostra identità a sinistra in chiave moderna proponendo il PD come strumento per cambiare l’Italia.