Europa, MiBACT: € 490 milioni per “Cultura e Sviluppo” al Sud

Europa, MiBACT: € 490 milioni per “Cultura e Sviluppo” al Sud

La commissione europea ha approvato il programma operativo “Cultura e Sviluppo” 2014 – 2020 cofinanziato dai fondi comunitari (FESR) e nazionali, per un ammontare complessivo di circa 490,9 milioni di euro, che vede il MiBACT nel ruolo di amministrazione proponente e Autorità di gestione.

Il Programma Operativo Nazionale (PON) “Cultura e Sviluppo” 2014 – 2020 è destinato a 5 regioni del Sud Italia – Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia –  ed ha come principale obiettivo la valorizzazione del territorio attraverso interventi di conservazione del patrimonio culturale, di potenziamento del sistema dei servizi turistici e di sostegno alla filiera imprenditoriale collegata al settore.

Gestito dal MiBACT, il PON dà attuazione alle scelte strategiche ed agli indirizzi definiti dall’Accordo di Partenariato (AdP) tra l’Italia e la Commissione Europea. L’Accordo individua tra gli obiettivi tematici la protezione, promozione e sviluppo del patrimonio culturale, considerato asset potenzialmente decisivo per lo sviluppo del Paese, sia in quanto fattore cruciale per la crescita e la coesione sociale, sia per gli effetti e le ricadute positive che esso è potenzialmente in grado di determinare nei rispetti del sistema dell’industria turistica.

Il Programma ha una dotazione finanziaria di 490,9 milioni di euro, di cui 368,2 milioni di euro a valere sui fondi strutturali europei (FESR) e 122,7 milioni di euro di cofinanziamento nazionale.

Il PON “Cultura e Sviluppo” 2014-2020 viene attuato attraverso una filiera corta e diretta: il MiBACT Amministrazione titolare del Programma si avvale delle sue articolazioni territoriali (Segretariati regionali, Poli museali, Soprintendenze) nell’ambito di una strategia di raccordo e di coordinamento con le Amministrazioni regionali delle cinque regioni interessate, con le quali saranno sottoscritti specifici Accordi Operativi di Attuazione (AOA).

 

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE  “CULTURA E SVILUPPO”

PON cultura e sviluppo – documento completo
PON cultura e sviluppo – sintesi

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020

Accordo di partenariato 2014 – 2020 – documento completo
Allegato I
Allegato II
Allegato III
Allegato IV

DOCUMENTI DPS

Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-20 – documento completo
Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-20 – slides
Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-20 – sintesi

DOCUMENTAZIONE EUROPEA

Regolamento (UE) N.1301/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
Regolamento (UE) N.1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio recante Disposizioni Generali
Position Paper Position Paper” dei Servizi della Commissione sulla preparazione dell’Accordo di Partenariato e dei Programmi in ITALIA per il periodo 2014-2020
Strategia Europa 2020

LINK UTILI

Unione Europea
Commissione Europea
Consiglio dell’Unione Europea
Commissione Europea – Rappresentanza in Italia
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ministero dello Sviluppo Economico
Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica
Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica
Agenzia per la Coesione Territoriale
Regione Basilicata
Basilicata Europa
Regione Campania
Regione Campania – Programmazione 2014-2020
Regione Calabria
Calabria Europa – Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria
Regione Puglia
Regione Puglia – Programmazione 2014-2020
Regione Siciliana
Regione Siciliana – Programmazione 2014-2020

RASSEGNA STAMPA

Comunicato stampa Commissione Europea 13.2.2015
Comunicato stampa MiBACT 13.2.2015
ANSA 13.2.2015
Italia Oggi 14.2.2015
Quotidiano Sud 15.2.2015

Finale di Pollina: “Aperta la Torre al pubblico adesso una istituzione culturale”

Finale di Pollina: “Aperta la Torre al pubblico adesso una istituzione culturale”

Ieri a Finale di Pollina, alla presenza dell’artista Gianni Balistreri, Maria Giuliana consulente alla cultura per il Comune di Pollina e il  Sindaco Magda Culotta è stato inaugurato l’accesso alla “Torre del Marchese”.
“Chi amministra – dichiara soddisfatta il Giovane Sindaco – sa che ci sono risultati che vanno oltre la semplice soddisfazione, sa che alcuni momenti segnano la propria comunità e aver dato la possibilità ai cittadini, ai loro figli e alle future generazioni di accedere ad un bene monumentale dall’alto valore identiario e simbolico è una travolgente emozione collettiva”.

All’interno della torre, accessibile tramite scala esterna, è possibile visionare la mostra di Gianni Balistreri “Ci vonnu occhi pi taliari” curata da Stefania Randazzo.

“Crediamo che investire sul nostro patrimonio monumentale e culturale sia la chiave per far crescere turisticamente il nostro tessuto sociale ed economico. È per questo – rilancia la deputata siciliana – che stiamo lavorando all’idea di costituire un’istituzione comunale che si occupi di governare i processi culturali legati alle emergenze architettoniche e culturali della nostra comunità.

Mandralisca: “Aprire un tavolo Regionale per una nuova fase dei Musei siciliani”

Il Museo Mandralisca di Cefalù sta rischiando la chiusura. Mi sono sempre battuta affinché i musei di provincia e i piccoli musei divenissero uno strumento per promuovere cultura e sviluppo. Voglio esprimere la mia solidarietà alla comunità cefaludese nella figura del Sindaco Lapunzina e del Direttore Peri.
I musei come il Mandralisca sono la ricchezza dei nostri territori che conservano l’arte, la storia e la memoria ma anche il futuro della nostra terra. Bisogna dare un segnale di controtendenza alle scelte politiche del passato che hanno umiliato le nostre istituzioni culturali locali, e non solo.
La Regione Sicilia ha risposto prontamente alla richiesta di sblocco dei fondi, almeno in parte, per il Museo Mandralisca.
Serve però un ulteriore sforzo: chiederò, insieme ai Sindaci e alle Istituzioni culturali locali, un tavolo al Governo Crocetta per ragionare su una proposta che intervenga rapidamente e con qualità sulla valorizzazione dei Musei e dei siti culturali.
La nostra Sicilia può e deve vivere anche di cultura e investire in turismo, ogni Museo che chiude, è una speranza concreta soffocata nell’inerzia politicista.