Concorso Vigili del fuoco 2017 | 250 posti

Concorso Vigili del fuoco 2017 | 250 posti

FONTE QUI
Il concorso per Vigili del Fuoco è finalmente realtà.

Infatti, nella Gazzetta Ufficiale, sezione “Concorsi ed Esami” è stato pubblicato il bando con tutte le informazioni su requisiti, prove, posti disponibili e date da ricordare per il concorso per il reclutamento di nuove unità per i Vigili del Fuoco.

Non ci sono state sorprese riguardo ai posti disponibili nel concorso pubblico per Vigili del Fuoco.

I posti a disposizione sono 250, ma solo una parte di questi sono riservati anche ai civili. Nel dettaglio, come vedremo di seguito, anche se il concorso dei Vigili del Fuoco è aperto ai civili i posti a disposizione per chi non ha sostenuto il periodo da volontario in ferma prefissata non sono molti.

Il 31 gennaio 2017 sulla Gazzetta Ufficiale verrà data comunicazione della sede, della data e dell’ora e delle modalità della prova preselettiva. Ci sono comunque delle anticipazioni che riguardano la sede in cui si sosterrà il test preselettivo. Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico, e della Difesa Civile, infatti, avrebbe individuato la Fiera di Roma come luogo perfetto presso il quale far svolgere le prove preselettive per il concorso pubblico che dovrebbe tenersi nel periodo compreso tra gennaio e marzo 2017.

Quindi, tra pochi giorni molti giovani italiani avranno la possibilità di entrare a far parte del Corpo dei Vigili del Fuoco, di cui questi giorni si è molto parlato per l’impegno, l’eroismo e la professionalità mostrati nelle zone colpite dal terremoto.

Se sognate di diventare Vigili del Fuoco, di seguito trovate tutte le informazioni sul nuovo bando di concorso valido per l’assunzione di 250 nuove unità: ripartizione dei posti, requisiti, prove e invio della domanda.

Bando che ricordiamo è finalmente uscito sulla Gazzetta Ufficiale sezione “Esami e Concorsi” (clicca qui per consultarlo).

Vigili del Fuoco: come sono ripartiti i 250 posti?

Il concorso pubblico dei Vigili del Fuoco ha dei posti riservati ai civili che non hanno fatto il VFP1. A differenza del concorso per la Polizia di Stato, dove ai civili verrà riservato il 50% dei posti, qui i posti a disposizione saranno molti meno.

Infatti ai cittadini che non appartengono né al Corpo dei Vigili del Fuoco né alle Forze Armate, sono riservati 25 posti su scala nazionale, ovvero il 10%.

Il 45% dei posti è riservato ai volontari in ferma breve o prefissata delle Forze Armate, mentre il 25% al al personale volontario dei Vigili del Fuoco che, alla data di apertura del bando, sia iscritto negli appositi elenchi da almeno tre anni ed abbia effettuato non meno di 120 giorni di servizio.

Infine, il restante 20% dei posti è riservato a coloro che hanno prestato servizio civile per almeno un anno presso i Vigili del Fuoco.

Concorso Pubblico Vigili del Fuoco per 250 unità: requisiti

I requisiti sono gli stessi di quelli richiesti negli precedenti concorsi dei Vigili del Fuoco. Quindi, i requisiti per poter partecipare al prossimo concorso sono i seguenti:

  • possesso della cittadinanza italiana e godimento dei diritto politici;
  • età non inferiore ai 18 anni e non superiore ai 30;
  • per gli iscritti da almeno un anno agli elenchi del personale volontario C.N.VV.F. il limite massimo di età passa a 37 anni;
  • idoneità culturale, fisica, psichica ed attitudinale al servizio di polizia;
  • titolo di studio di scuola media dell’obbligo;
  • possesso delle qualità morali e di condotta previste
  • non essere stati destituiti, né dispensati, dall’impiego presso una pubblica amministrazione;

Concorso Pubblico Vigili del Fuoco per 250 unità: come inviare la domanda?

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, sul sito dei Vigili del Fuoco verrà messo a disposizione un modello per la compilazione online per la domanda. Il termine per l’iscrizione è di 30 giorni dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quindi potete iscrivervi entro il 15 dicembre.

Dopo aver inviato la domanda d’iscrizione dovrete stamparla ricordandovi di presentarla firmata il giorno della prova.

La domanda di partecipazione al nuovo concorso per Vigili del Fuoco va compilata dichiarando:

  • cognome e nome;
  • luogo e data di nascita;
  • residenza anagrafica;
  • codice fiscale;
  • possesso della cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti politici;
  • possesso della licenza media;
  • di non essere stati espulsi dalle forze armate e dai corpi militarmente organizzati
  • di non avere riportato condanne a pena detentiva per delitti non colposi;
  • di non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • la lingua straniera prescelta per il colloquio (una a scelta tra inglese, francese, spagnolo e tedesco);
  • l’eventuale possesso di titoli preferenziali;
  • eventuale diritto alle riserve dei posti di cui all’art. 1 del presente bando (“I posti riservati, non coperti, sono conferiti, secondo l’ordine della graduatoria, agli altri candidati idonei”);
  • di essere a conoscenza del testo integrale del bando di concorso.

Concorso Vigili del Fuoco per 250 unità: come sarà la prova preselettiva

Per il Concorso Pubblico dei Vigili del Fuoco si attende un alto numero di iscritti. Tant’è che, stando alle anticipazioni, le prove preselettive dureranno per circa due settimane.

La prova preselettiva sarà articolata in due sedute giornaliere della durata di 4 ore. Quella mattutina è prevista nella fascia oraria 9:00-13:00, mentre quella pomeridiana dalle 14:00 alle 18:00. A ciascuna delle sessioni parteciperanno circa 6 mila iscritti al concorso. Saranno ammessi alle prove successive i candidati che si classificheranno nelle prime 5.000 posizioni della graduatoria.

I candidati che supereranno la prova preselettiva sosterranno successivamente una prova motorio-attitudinale e un colloquio. Infine, dopo la fase di valutazione dei titoli ce ne sarà una dedicata all’accertamento dei requisiti di idoneità psico-fisica e attitudinale. In totale verranno assegnati 100 punti; 50 per la prova motorio-attitudinale, 35 con il colloquio e 15 con la valutazione dei titoli.

Per il colloquio vi consigliamo di prepararvi nelle seguenti materie:

  • organizzazione e competenze del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco;
  • discipline tecnico-scientifiche applicative, correlate al titolo di studio richiesto per la partecipazione al concorso, finalizzate a verificare la conoscenza degli elementi di base relativi all’attività del Vigile del Fuoco;
  • elementi di informatica di base e conoscenza di base di una lingua straniera scelta dal candidato tra quelle indicate nel bando di concorso;
  • infine, vi ricordiamo che nel colloquio verrà attestato il vostro livello di conoscenza su una lingua straniera. Non sappiamo quale, ma nell’ultimo concorso era possibile scegliere tra Inglese, Francese, Spagnolo e Tedesco.

Per prepararvi al meglio in vista di questo concorso, sia per il colloquio che per il test di selezione, vi consigliamo di cominciare ad approfondire gli argomenti d’esame già da questi giorni. A tal proposito potrebbe esservi d’aiuto un manuale di preparazione al concorso come quello che trovate di seguito.