Legge di Stabilità, Culotta (PD): “Governo verso la giusta direzione, ma si ascoltino pure le esigenze dei Comuni”

Legge di Stabilità, Culotta (PD): “Governo verso la giusta direzione, ma si ascoltino pure le esigenze dei Comuni”

“Gli sforzi fatti del Governo per sbloccare il Paese, rimettere in moto l’economia e creare occupazione sono evidenti e vanno verso la giusta direzione. Ma nel percorso che porta all’approvazione della Legge di Stabilità, bisogna assolutamente ascoltare i Comuni e le esigenze del territorio. Anche attraverso il confronto con i sindaci e con chi ha un contatto diretto con le difficoltà che ogni giorno attanagliano i cittadini”. Lo dice Magda Culotta, sindaco di Pollina e deputata del Pd, in vista dell’incontro di domani tra il premier Renzi e i rappresentanti delle Regioni. Proprio ieri, durante una riunione dell’Anci, è emerso che in questi anni i Comuni italiani hanno dato un contributo rilevante al risanamento dei conti pubblici, pari a oltre 16 miliardi di euro dal 2007 al 2014. Sulla spesa pubblica e sul debito pubblico globale, inoltre, la quota imputabile ai Comuni si è ridotta al 2.5% del debito e al 7.6% della spesa, a fronte di una spesa dello Stato e di un debito in costante aumento. E il comparto degli Enti Locali è già oggi contributore attivo della finanza pubblica. “È chiaro – aggiunge Magda Culotta – che in un momento in cui viene chiesta a tutti un’enorme responsabilità per superare la crisi lo si faccia anche con gli Enti Locali. Ma se guardo al mio Comune, non saprei più cosa tagliare riuscendo, al tempo stesso, ad erogare ancora servizi. E non si può pensare di recuperare entrate facendo schizzare alle stelle i tributi che poi i cittadini, in grande difficoltà economica, non riuscirebbero a sopportare. Da questo punto di vista siamo già troppo vessati. Un premier che è stato primo cittadino comprenderà il disagio”.

0