Il ritiro del sostegno al Governo Crocetta è una scelta amara.

Il ritiro del sostegno al Governo Crocetta è una scelta amara.

È una scelta amara, ma credo che fra governo e parlamento regionale siano venute a mancare fiducia e reciprocità, dopo mesi di discussione e dibattito acceso sul programma di governo e sugli effetti del Megafono dentro il Partito Democratico.
È ingiusto che la decisione della direzione del PD siciliano, di ritirare l’appoggio al Governo Crocetta, passi sulla stampa e sui media come un aut-aut agli assessori in quota PD e venga sintetizzata come una mera questione di poltrone.
Un partito di maggioranza, quale il PD, non può non essere coinvolto e avere un ruolo da protagonista, in riforme importanti su temi quali acqua, rifiuti o organizzazione delle città metropolitane, così come non può ritrovarsi esponenti del Megafono candidati in liste diverse da quelle del PD, come è accaduto nelle ultime elezione amministrative.
Quello di avere un Presidente di sinistra e fortemente riformista è un fatto storico per la Sicilia, è un occasione che non va sprecata.
Spero quanto accaduto ieri possa rappresentare un’opportunità per il Governo Crocetta, l’opportunità di rilanciare l’attività e il destino dei siciliani.

0