“Con il Sud che partecipa”|Bando volontariato per NO PROFIT

“Con il Sud che partecipa”|Bando volontariato per NO PROFIT

BANDO SUD CHE PARTECIPA – SCARICA

allegato A idea progettuale – SCARICA

allegato B autodichiarazione privacy – SCARICA

CON IL SUD CHE PARTECIPA
L’iniziativa che promuove il Volontariato

IDEE E PROGETTI DA REALIZZARE CON I CITTADINI
L’INIZIATIVA È RIVOLTA ALLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT DEL SUD ITALIA
SCADE IL 12 FEBBRAIO. A DISPOSIZIONE 2 MILIONI DI EURO DI RISORSE PRIVATE

NEL 2016 ALTRI DUE NUOVI BANDI SUL VOLONTARIATO AL SUD Read More

Europa, MiBACT: € 490 milioni per “Cultura e Sviluppo” al Sud

Europa, MiBACT: € 490 milioni per “Cultura e Sviluppo” al Sud

La commissione europea ha approvato il programma operativo “Cultura e Sviluppo” 2014 – 2020 cofinanziato dai fondi comunitari (FESR) e nazionali, per un ammontare complessivo di circa 490,9 milioni di euro, che vede il MiBACT nel ruolo di amministrazione proponente e Autorità di gestione.

Il Programma Operativo Nazionale (PON) “Cultura e Sviluppo” 2014 – 2020 è destinato a 5 regioni del Sud Italia – Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia –  ed ha come principale obiettivo la valorizzazione del territorio attraverso interventi di conservazione del patrimonio culturale, di potenziamento del sistema dei servizi turistici e di sostegno alla filiera imprenditoriale collegata al settore.

Gestito dal MiBACT, il PON dà attuazione alle scelte strategiche ed agli indirizzi definiti dall’Accordo di Partenariato (AdP) tra l’Italia e la Commissione Europea. L’Accordo individua tra gli obiettivi tematici la protezione, promozione e sviluppo del patrimonio culturale, considerato asset potenzialmente decisivo per lo sviluppo del Paese, sia in quanto fattore cruciale per la crescita e la coesione sociale, sia per gli effetti e le ricadute positive che esso è potenzialmente in grado di determinare nei rispetti del sistema dell’industria turistica.

Il Programma ha una dotazione finanziaria di 490,9 milioni di euro, di cui 368,2 milioni di euro a valere sui fondi strutturali europei (FESR) e 122,7 milioni di euro di cofinanziamento nazionale.

Il PON “Cultura e Sviluppo” 2014-2020 viene attuato attraverso una filiera corta e diretta: il MiBACT Amministrazione titolare del Programma si avvale delle sue articolazioni territoriali (Segretariati regionali, Poli museali, Soprintendenze) nell’ambito di una strategia di raccordo e di coordinamento con le Amministrazioni regionali delle cinque regioni interessate, con le quali saranno sottoscritti specifici Accordi Operativi di Attuazione (AOA).

 

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE  “CULTURA E SVILUPPO”

PON cultura e sviluppo – documento completo
PON cultura e sviluppo – sintesi

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020

Accordo di partenariato 2014 – 2020 – documento completo
Allegato I
Allegato II
Allegato III
Allegato IV

DOCUMENTI DPS

Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-20 – documento completo
Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-20 – slides
Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-20 – sintesi

DOCUMENTAZIONE EUROPEA

Regolamento (UE) N.1301/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
Regolamento (UE) N.1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio recante Disposizioni Generali
Position Paper Position Paper” dei Servizi della Commissione sulla preparazione dell’Accordo di Partenariato e dei Programmi in ITALIA per il periodo 2014-2020
Strategia Europa 2020

LINK UTILI

Unione Europea
Commissione Europea
Consiglio dell’Unione Europea
Commissione Europea – Rappresentanza in Italia
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ministero dello Sviluppo Economico
Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica
Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica
Agenzia per la Coesione Territoriale
Regione Basilicata
Basilicata Europa
Regione Campania
Regione Campania – Programmazione 2014-2020
Regione Calabria
Calabria Europa – Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria
Regione Puglia
Regione Puglia – Programmazione 2014-2020
Regione Siciliana
Regione Siciliana – Programmazione 2014-2020

RASSEGNA STAMPA

Comunicato stampa Commissione Europea 13.2.2015
Comunicato stampa MiBACT 13.2.2015
ANSA 13.2.2015
Italia Oggi 14.2.2015
Quotidiano Sud 15.2.2015

EXPO 2015, Regione Sicilia partner per il Cluster Biomediterraneo. Ecco i bandi

EXPO 2015, Regione Sicilia partner per il Cluster Biomediterraneo. Ecco i bandi

expo

L’ Assessorato Regionale dell’ Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della Pesca Mediterranea è partner ufficiale di Expo Milano 2015 per il Cluster del Bio-Mediterraneo.

Il Tema centrale di Expo Milano 2015 NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA è il diritto a una alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutto il pianeta.
Per la prima volta nella storia delle esposizioni universali sono stati previsti 9 CLUSTER (traduzione letterale grappolo), tra i quali il BIOMEDITERRANEO che pone al centro il patrimonio culturale e lo stile di vita Mediterraneo che accomuna i popoli del MAR MEDITERRANEO e la SICILIA, che nella storia è stata crocevia di popoli, civiltà e culture ed ha rielaborato un ricco patrimonio culturale, alimentare, artistico, archeologico, architettonico, museale, letterario, paesaggistico ed ambientale.

Mediterraneo è mille cose insieme (F.Braudel)
La Sicilia è una, ma tante (G.Bufalino)

Il 14 novembre 2013 Expo 2015 SpA ha emanato l’avviso pubblico “Manifestazione d’interesse alla stipula di un accordo avente ad oggetto l’allestimento e la gestione delle Aree Comuni del Cluster BioMediterraneo” al quale ha risposto l’Assessorato Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea presentando una proposta progettuale.
L’11 marzo 2014 Expo 2015 SpA ha comunicato la decisione di individuare la REGIONE Siciliana-ASSESSORATO AGRICOLTURA, SVILUPPO RURALE E PESCA MEDITERRANEA quale contraente di Expo 2015 per la gestione delle aree comuni del Cluster Biomediterraneo.

Sicilia, Servizio Civile: 1185 posti con Garanzia Giovani

Sicilia, Servizio Civile: 1185 posti con Garanzia Giovani

Il piano Garanzia Giovani varato dal governo porta nuove opportunità di lavoro in Sicilia. Per quanto riguarda il settore servizio civile sono previsti 1185 posti.

Piano Garanzia Giovani, i posti divisi per regioneI dettagli sono stati diffuso online dall’Ufficio per le politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dei Ministri a seguito della firma dei bandi per la selezione di volontari di Servizio Civile Nazionale per 10 Regioni. In totale i posti sono5.463, distribuiti nelle varie regioni. In Sicilia sono poco meno di 2.000.

Per poter partecipare – spiega la nota ufficiale – i giovani devono essersi registrati al programma Iniziativa Occupazione Giovani (Garanzia Giovani). La domanda per partecipare ai progetti di Servizio civile nazionale potrà essere presentata entro 30 giorni a far data dalla pubblicazione dei bandi .

Coloro che non si sono ancora iscritti al programma Garanzia Giovani dovranno farlo prima di presentare la domanda di partecipazione ai progetti. Possono partecipare ai bandi anche i cittadini stranieri regolarmente residenti in Italia.

I bandi saranno pubblicati a breve sul sito www.serviziocivile.gov.it, dove verranno indicate ulteriori procedure per presentare la propria candidatura.

Il Sottosegretario al Lavoro e Politiche Sociali, Luigi Bobba, si è dichiarato soddisfatto dell’adozione dei bandi, che danno concreta attuazione a questa importante misura del programma Garanzia Giovani.

“E’ stato avviato, contestualmente, il sistema per la certificazione delle competenze – ha aggiunto spiegatp Sottosegretario – per consentire ai giovani che intendono partecipare a questa esperienza di poterla utilmente spendere nel mondo del lavoro. In ogni caso questa esperienza di Servizio civile nazionale comporterà un accrescimento motivazionale e valoriale del giovane, che è l’obiettivo di tutto il programma”.

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto e per la proficua collaborazione interistituzionale che ha consentito in tempi assai rapidi l’emanazione dei bandi, concreta opportunità per i giovani di impegnarsi nella misura Servizio civile nazionale.

“I 10 bandi impegnano 29,5 milioni di Euro, pari al 74,17% del totale, – ha dichiarato il Ministro- ma la percentuale restante sarà utilizzata anch’essa in tempi rapidi; il Dipartimento è infatti fortemente impegnato per consentire ciò già nei primi mesi del 2015”.

Il Ministro ha inoltre ribadito quanto sia importante lo sviluppo della misura Servizio civile nazionale, che rappresenta la realizzazione concreta del principio di solidarietà che è alla base di ogni comunità.

“Alla solidarietà offerta dai ragazzi attraverso la partecipazione al Servizio civile nazionale – ha aggiunto il Ministro – le istituzioni rispondono con pari solidarietà, offrendo un piccolo contributo economico ma soprattutto favorendo un accrescimento di competenze volte ad agevolare l’ingresso nel mondo del lavoro.”

FONTE: RESAPUBBLICA.IT