Bagheria, arresti mafia. Coinvolto Scrivano: “voleva darmi lezioni di buona politica”

Bagheria, arresti mafia. Coinvolto Scrivano: “voleva darmi lezioni di buona politica”

“Questa notte il comando provinciale di Palermo e del Ros ha condotto un’operazione che ha di fatto cancellato il mandamento mafioso di Bagheria, – dichiara Magda Culotta – e sono stati sequestrati beni per 30 milioni di euro alle casse della mafia. Ancora una volta lo Stato dimostra che c’è e che impiega le sue energie migliori per “ripulire” il nostro paese dal crimine organizzato.

Sembra che le indagini – continua Culotta – riconducano ad un patto con la promessa di voti scambio, tra alcuni mafiosi di Bagheria e il Sindaco Giuseppe Scrivano, candidato con la Lega Nord alle ultime politiche, al quale è stata notificata un’informazione di garanzia.
Lo stesso Scrivano che aveva provato a darmi lezioni di buona politica in seno a quella campagna elettorale.
Bisogna essere fieri di uno Stato che dimostra la sua presenza e contribuisce ad estirpare con sacrificio la criminalità dal nostro paese”.

0