Approvate le “Leggi Europee”: finalmente più Europa in Italia

Approvate le “Leggi Europee”: finalmente più Europa in Italia

La Camera  ha appena approvato Le ‘Leggi Europee’ che riprendono i contenuti dei due disegni di legge comunitaria non approvati durante la scorsa legislatura.
La legge di delegazione europea e La Legge Europea, che hanno sostituito, ai sensi della legge n. 234 del 2012, la legge comunitaria annuale.

Nel disegno di legge di delegazione europea per il 2013, e’ contenuta, in primo luogo, la delega al Governo per il recepimento delle direttive (in tutto 40) e richiama, quanto alle procedure, i criteri direttivi e i termini per l’esercizio delle deleghe, previsti dalla legge n. 234/2012.
Tra le direttive ritroviamo quelle relative alle emissioni industriali; all’estensione dell’ambito di applicazione ai beneficiari di protezione internazionale; alla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici.

La legge europea invece, prevede norme di diretta attuazione degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea. Il testo contiene inoltre, altre disposizioni per chiudere procedure d’infrazione.
In sintesi, con l’adozione del provvedimento si potrebbero chiudere 19 procedure d’infrazione e 10 Casi EU pilot. Inoltre si attuano tre Regolamenti (UE) che prevedono per gli Stati membri adempimenti in scadenza nei mesi di luglio e settembre 2013.
Meritano un cenno gli articoli relativi alla riduzione dell’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti, e di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale.

È il primo lavoro importante che registra la Commissione Affari Europei, se consideriamo che l’Italia in materia sconta un ritardo di tre anni. Finalmente un provvedimento che inizia a mettere l’Italia al passo con l’Europa nei fatti e non con le parole.

0